Interessante

La tratta degli schiavi transatlantici: 5 fatti sulla schiavitù nelle Americhe

La tratta degli schiavi transatlantici: 5 fatti sulla schiavitù nelle Americhe

La schiavitù è un argomento che non lascia mai la coscienza pubblica; film, libri, arte e teatro sono stati tutti creati sull'istituzione. Eppure, molti americani sanno ancora troppo poco del commercio transatlantico di schiavi. Non possono dire quando è iniziato o finito o quanti africani sono stati rapiti e ridotti in schiavitù contro la loro volontà. È difficile discutere delle questioni attuali relative alla schiavitù, come le riparazioni, senza prima capire come la tratta degli schiavi abbia lasciato la sua impronta in Africa, nelle Americhe e nel mondo.

Milioni spediti nelle Americhe

Mentre è risaputo che sei milioni di ebrei sono morti durante l'Olocausto, il numero di africani occidentali spediti nelle Americhe durante la tratta degli schiavi transatlantici dal 1525 al 1866 rimane un mistero per gran parte del pubblico. Secondo il Trans-Atlantic Slave Trade Database, 12,5 milioni di africani sono stati caricati come merci umane e separati per sempre dalle loro case e famiglie. Di quegli africani, 10,7 milioni sono riusciti a vivere l'orrendo viaggio noto come Middle Passage.

Brasile: Slavery's Epicenter

I commercianti di schiavi spedivano gli africani in tutte le Americhe, ma molto più della popolazione schiavizzata finì in Sud America di qualsiasi altra regione. Henry Louis Gates Jr., direttore del Hutchins Center for African and African American Research presso l'Università di Harvard, stima che un singolo paese sudamericano-Brasile abbia ricevuto 4,86 ​​milioni, o circa la metà di tutti gli schiavi sopravvissuti al viaggio nel Nuovo Mondo .

Gli Stati Uniti, d'altra parte, hanno ricevuto 450.000 africani. Secondo un rapporto del Census Bureau degli Stati Uniti del 2016, circa 45 milioni di neri vivono negli Stati Uniti e la maggior parte di loro sono discendenti degli africani costretti nel paese durante la tratta degli schiavi.

Schiavitù nel nord

Inizialmente, la schiavitù non era praticata solo negli stati del sud degli Stati Uniti, ma anche nel nord. Il Vermont si distingue come il primo stato ad abolire la schiavitù, una mossa che fece nel 1777 dopo che gli Stati Uniti si liberarono dalla Gran Bretagna. Ventisette anni dopo, tutti gli stati del Nord giurarono di mettere fuorilegge la schiavitù, ma continuò ad essere praticato nel Nord per anni. Questo perché gli stati del Nord hanno attuato una legislazione che ha reso graduale e non immediata l'abolizione della schiavitù.

PBS sottolinea che la Pennsylvania ha approvato la legge sull'abolizione graduale della schiavitù nel 1780, ma "graduale" si è rivelato un eufemismo. Nel 1850, centinaia di neri della Pennsylvania continuarono a vivere in schiavitù. Poco più di un decennio prima dell'inizio della guerra civile nel 1861, la schiavitù continuò a essere praticata nel Nord.

Vietare la tratta degli schiavi

Il Congresso degli Stati Uniti approvò una legge nel 1807 per vietare l'importazione di schiavi africani e una legislazione simile entrò in vigore in Gran Bretagna lo stesso anno. (La legge degli Stati Uniti entrò in vigore il 1 ° gennaio 1808.) Dato che la Carolina del Sud era l'unico stato in quel momento che non aveva vietato l'importazione di schiavi, la mossa del Congresso non era esattamente rivoluzionaria. Inoltre, quando il Congresso decise di vietare l'importazione di schiavi, oltre quattro milioni di neri schiavizzati vivevano già negli Stati Uniti, secondo il libro "Generazioni di prigionia: una storia di schiavi afroamericani".

Poiché i figli di quelle persone schiavizzate sarebbero nati in schiavitù, e non era illegale per gli schiavisti americani commerciare quelle persone in patria, l'atto congressuale non ebbe un impatto notevole sulla schiavitù negli Stati Uniti altrove, gli africani venivano ancora spediti in America Latina e Sud America fino al 1860.

Gli africani negli Stati Uniti oggi

Durante la tratta degli schiavi, circa 30.000 africani schiavi entravano negli Stati Uniti ogni anno. Avanzando rapidamente fino al 2005, e 50.000 africani ogni anno stavano entrando negli Stati Uniti per loro volontà. Ha segnato un cambiamento storico. "Per la prima volta, negli Stati Uniti dall'Africa arrivano più neri che durante la tratta degli schiavi", ha riferito il New York Times.

Il Times ha stimato che più di 600.000 africani vivevano negli Stati Uniti nel 2005, circa l'1,7 per cento della popolazione afroamericana. Il numero effettivo di africani che vivono negli Stati Uniti potrebbe essere addirittura superiore se si contasse il numero di immigrati africani privi di documenti.