Interessante

Come sono finiti i combattimenti dei gladiatori?

Come sono finiti i combattimenti dei gladiatori?

I combattimenti tra gladiatori nell'antica Roma furono brutali. Non era come una partita di football (americano o altro) in cui si presumeva che entrambe le parti sarebbero tornate a casa con solo un paio di lividi. La morte era un evento abbastanza comune in un gioco di gladiatori, ma ciò non significa che fosse inevitabile. Un gladiatore potrebbe trovarsi incline nella sabbia assorbente il sangue dell'arena, con l'altro gladiatore che tiene in mano una spada (o qualunque arma gli sia stata assegnata). Invece di immergersi semplicemente nell'arma e consegnare a morte il suo avversario, il gladiatore vincitore avrebbe cercato un segnale per dirgli cosa fare.

L'editore era responsabile della lotta dei gladiatori

Il gladiatore vincitore avrebbe ricevuto il suo segnale, non dalla folla, come illustrato nel famoso dipinto del XIX secolo di Jean-Léon Gérôme (1824-1904), ma piuttosto dall'arbitro del gioco, il editore (o editore muneris), che potrebbe anche essere un senatore, un imperatore o un altro politico. Fu lui a prendere le decisioni finali sui destini dei gladiatori nell'arena. Tuttavia, poiché i giochi avevano lo scopo di suscitare il favore del pubblico, l'editore doveva prestare attenzione ai desideri del pubblico. Gran parte del pubblico ha partecipato a eventi così brutali con l'unico scopo di assistere al coraggio di un gladiatore di fronte alla morte.

A proposito, i gladiatori non hanno mai detto "Morituri te salutant " ("Coloro che stanno per morire ti salutano"). Ciò fu detto una volta all'imperatore Claudio (10 a.C.-54 d.C.) in occasione di una battaglia navale messa in scena, non di combattimenti gladiatori.

Modi per porre fine a una lotta tra gladiatori

Le gare dei gladiatori erano pericolose e potenzialmente fatali, ma non così spesso come ci vorrebbe far credere Hollywood: i gladiatori venivano noleggiati dalla loro scuola di addestramento (ludus) e un buon gladiatore era costoso da sostituire, quindi la maggior parte delle battaglie non si concluse con la morte. C'erano solo due modi in cui una battaglia di gladiatori poteva essere conclusa: o un gladiatore vinceva o era un pareggio, ma era il editore che ha avuto l'ultima parola sul fatto che il perdente sia morto sul campo o abbia continuato a combattere un altro giorno.

L'editore aveva tre modi stabiliti per prendere la sua decisione.

  1. Potrebbe aver stabilito regole (Lex) prima del gioco. Se gli sponsor del combattimento volevano combattere fino alla morte, dovevano essere disposti a compensare lanista (istruttore) che aveva noleggiato il gladiatore morto.
  2. Poteva accettare la resa di uno dei gladiatori. Dopo aver perso o gettato via le sue armi, il gladiatore perdente sarebbe caduto in ginocchio e avrebbe alzato il dito indice (ad digitatum).  
  3. Poteva ascoltare il pubblico. Quando un gladiatore è caduto, piange Habet, Hoc habet! (Ce l'aveva!), E grida di Mitte! (Lascialo andare!) O Lugula! (Uccidilo!) Si sentiva.

Un gioco che si è concluso con la morte era noto come a sine remissione (senza licenziamento).

Pollice in alto, pollice in basso, pollice lateralmente

Ma l'editore non ha necessariamente ascoltato nessuno di loro. Alla fine fu sempre l'editore a decidere se un gladiatore sarebbe morto quel giorno. Tradizionalmente, l'editore comunicava la sua decisione ruotando il pollice verso l'alto, il basso o lateralmente (pollice verso), anche se le modalità cambiarono, così come le regole dell'arena gladiatoria sull'impero romano. Il problema è: la confusione su cosa esattamente la direzione del pollice significasse ciò che è uno di un dibattito di lunga data tra gli studiosi classici e filologici moderni.

Pollice in su, pollice in giù, pollice lateralmente per i romani
Frase latinaSignificato
Segnali dall'editor
Pollices premere o presso polliceIl "pollice premuto". Il pollice e le dita sono stretti insieme, il che significa "misericordia" per un gladiatore abbattuto.
Pollex infestusIl "pollice ostile". La testa del segnalatore è inclinata rispetto alla spalla destra, il braccio teso dall'orecchio e la mano estesa con il pollice ostile. Gli studiosi suggeriscono che il pollice è rivolto verso l'alto, ma c'è qualche dibattito; significava morte per il perdente.
Vertere Pollicem o convertitore Pollicem"Per girare il pollice." Il segnalatore girò il pollice verso la propria gola o il proprio seno: gli studiosi discutono sul fatto che sia stato puntato verso l'alto o verso il basso, con la maggior parte della raccolta "su". Morte al perdente.
Segnali dalla follaIl pubblico potrebbe usare quelli tradizionalmente usati dall'editore, o uno di questi.
Digite mediaDito medio allungato "di disprezzo" per il gladiatore perdente.
Mappae Fazzoletto o tovagliolo, salutato per chiedere pietà.

È complicato. Ma non temere, gli educatori, le icone culturali nelle classi della scuola elementare di pollice in su, pollice in giù e pollice lateralmente sono perfettamente chiari per i tuoi studenti, indipendentemente da ciò che i romani hanno fatto. Un'onda della mappae sarebbe una risposta accettabile.

Quando morì un gladiatore

L'onore era cruciale per i giochi di gladiatori e il pubblico si aspettava che il perdente fosse valoroso anche nella morte. Il modo onorevole di morire era che il gladiatore perdente afferrasse la coscia del vincitore che avrebbe quindi tenuto la testa o l'elmetto del perdente e gli avrebbe affondato una spada nel collo.

Le partite dei gladiatori, come molto altro nella vita romana, erano collegate alla religione romana. La componente gladiatore dei giochi romani (ludi) sembra essere iniziato all'inizio delle guerre puniche come parte di una celebrazione funebre per un ex console. Per assicurarsi che il perdente non stesse fingendo di essere morto, un addetto vestito da Mercurio, il dio romano che condusse i nuovi morti nella loro vita dopo la morte, avrebbe toccato il gladiatore apparentemente morto con la sua bacchetta di ferro caldo. Un altro addetto, vestito da Caronte, un altro dio romano associato agli Inferi, lo avrebbe colpito con un martello.

Fonti e ulteriori letture

  • Briggs, Thomas H. "Pollice in giù-pollice in alto". La prospettiva classica 16.4 (1939): 33-34.
  • Carter, M. J. "Gladiatorial Combat: The Rules of Engagement". Il diario classico 102.2 (2006): 97-114.
  • Corbeill, Anthony. "Pollici nell'antica Roma: 'Pollex' come indice." Memorie dell'American Academy in Rome 42 (1997): 1-21.
  • Posta, Edwin. "Pollice Verso." L'American Journal of Philology 13.2 (1892): 213-25.
  • Reid, Heather L. "Il gladiatore romano era un atleta?" Journal of the Philosophy of Sport 33.1 (2006): 37-49.