Interessante

Derrick Todd Lee, il serial killer di Baton Rouge

Derrick Todd Lee, il serial killer di Baton Rouge

Derrick Todd Lee, noto come Baton Rouge Serial Killer, per anni ha aggirato le comunità della Louisiana del sud prima della sua cattura e dell'eventuale condanna in due dei sette casi di stupro e omicidio di donne a cui era legato dal DNA. Fu sospettato in una serie di brutalità dal 1992 al 2003. Lee morì per cause naturali prima che potesse essere giustiziato.

Infanzia

Lee è nato il 5 novembre 1968, a St. Francisville, in Louisiana, da Samuel Ruth e Florence Lee. Suo padre lasciò Firenze poco dopo la nascita di Derrick. Per lei e i bambini, avere Ruth fuori dal quadro andava bene. Soffriva di una malattia mentale e finì in un istituto psichiatrico dopo essere stato accusato del tentato omicidio della sua ex moglie.

In seguito Florence sposò Coleman Barrow, un uomo responsabile che allevò Derrick e le sue sorelle come se fossero suoi figli. Insieme hanno insegnato ai loro figli l'importanza dell'istruzione e della Bibbia.

Lee è cresciuto come molti bambini nelle piccole città del sud della Louisiana. I suoi vicini e compagni di gioco erano per lo più della sua famiglia allargata. Il suo interesse per la scuola si limitava a suonare nella banda scolastica. Lee ha lottato accademicamente, essendo spesso sorpreso da sua sorella minore, che era un anno più giovane di lui, ma avanzò a scuola più velocemente. Il suo QI, calcolato da meno di 70 a 75, gli ha reso difficile mantenere i suoi voti.

Quando Lee ha compiuto 11 anni, era stato sorpreso a sbirciare dalle finestre delle ragazze del suo quartiere, cosa che ha continuato a fare da adulto. Gli piaceva anche torturare cani e gatti.

Adolescente

A 13 anni, Lee fu arrestato per semplice furto con scasso. Era noto alla polizia locale a causa del suo voyeurismo, ma non è stato fino a quando ha compiuto 16 anni che la sua rabbia lo ha messo nei guai reali. Tirò un coltello contro un ragazzo durante un combattimento e fu accusato di tentato omicidio di secondo grado, il foglio rap di Lee stava cominciando a riempirsi.

A 17 anni Lee è stato arrestato per essere un guardone, ma anche se aveva abbandonato la scuola con molteplici denunce e arresti, ha evitato di rimanere in detenzione minorile.

Matrimonio

Nel 1988 Lee ha incontrato e sposato Jacqueline Denise Sims. Hanno avuto due figli, un ragazzo che prende il nome da suo padre, Derrick Todd Lee, Jr., e nel 1992 una ragazza, Dorris Lee. Poco dopo il loro matrimonio, Lee si è dichiarato colpevole per l'ingresso non autorizzato di un'abitazione abitata.

Nel corso dei prossimi anni, entrò e uscì da due mondi: in uno era un padre responsabile che lavorava duramente nel suo lavoro di costruzione e portava la sua famiglia nelle gite del fine settimana. Nell'altro, ha girato bar locali vestiti con abiti eleganti, bevendo e pianificando relazioni extraconiugali con donne.

Jacqueline sapeva della sua infedeltà, ma era devota a Lee. Si abituò al suo arresto. I tempi trascorsi in prigione sono diventati quasi un gradito sollievo rispetto all'atmosfera instabile che ha creato quando era a casa.

Nel 1996 il padre di Jacqueline fu ucciso in un'esplosione di un impianto e le fu assegnato un quarto di milione di dollari. Con la spinta finanziaria, Lee ora poteva vestirsi meglio, comprare auto e spendere più soldi per la sua ragazza, Casandra Green, ma ha investito i soldi con la stessa rapidità con cui è entrato. Nel 1999 Lee era tornato a vivere con i suoi stipendi guadagnati, sebbene ora avesse un'altra bocca da sfamare. Casandra ha dato alla luce il loro figlio, che hanno chiamato Dedrick Lee, a luglio di quell'anno.

Collette Walker

Nel giugno 1999, Collette Walker, 36 anni, di St. Francisville, ha presentato accuse di stalking contro Lee dopo che si era fatto strada nel suo appartamento e aveva cercato di convincerla che dovevano uscire. Lei non lo conosceva e quando lo fece uscire dal suo appartamento, lasciò il suo numero di telefono e le suggerì di chiamarlo.

Giorni dopo un'amica che viveva vicino a Collette le chiese di Lee, che aveva visto in agguato nel suo appartamento. In un'altra occasione, Collette lo sorprese a sbirciare dalla finestra e chiamò la polizia.

Anche con la sua storia di Peeping Tom e vari altri arresti, Lee ha avuto poco tempo per le accuse di stalking e ingresso illegale. Con un patteggiamento, Lee si è dichiarato colpevole e ha ricevuto la libertà vigilata. Contro le indicazioni della corte andò di nuovo a cercare Collette, ma lei si era saggiamente spostata.

Opportunità persa

La vita stava diventando stressante per Lee. I soldi erano spariti e le finanze erano ridotte. Stava litigando molto con Casandra e, nel febbraio 2000, i combattimenti si intensificarono fino alla violenza. Ha avviato un procedimento per ottenere un ordine di protezione che proibisce a Lee di avvicinarsi a lei. Tre giorni dopo la raggiunse in un parcheggio del bar e la aggredì violentemente.

Casandra ha sporto denuncia e la sua libertà vigilata è stata revocata. Trascorse l'anno successivo in prigione fino alla sua liberazione nel febbraio 2001. Fu posto agli arresti domiciliari e gli fu richiesto di indossare l'equipaggiamento di controllo.

A maggio è stato dichiarato colpevole di violare i termini della sua libertà condizionale rimuovendo l'attrezzatura. Invece di essere revocato la sua libertà vigilata, tuttavia, gli fu dato uno schiaffo legale sulla mano e non tornò in prigione. Ancora una volta l'opportunità di rimuovere Lee dalla società è andata perduta.

La terza parte di Lee

Quando Lee ha commesso il suo primo o ultimo stupro e l'omicidio di una donna ignara non è noto. Ciò che si sa è che il 2 aprile 1993, avrebbe presumibilmente attaccato due adolescenti che si tenevano al collo in un'auto parcheggiata. Dotato di uno strumento di raccolta di sei piedi, fu accusato di aver violato la coppia, fermandosi e fuggendo solo quando un'altra macchina si avvicinò.

La coppia è sopravvissuta e sei anni dopo, la ragazza, Michelle Chapman, ha scelto Lee come attaccante, ma lo statuto dei limiti alle potenziali accuse era scaduto ...

La brutale follia di Lee è durata 10 anni dopo quell'attacco, con prove del DNA che alla fine lo collegavano alle vittime che soffrivano della sua malvagità.

Vittime

Oltre a Chapman, le sospette vittime di Lee includevano:

  • Randi Merrier, 28 aprile 18, 1998
  • Gina Wilson Green, 41, 24 settembre 2001
  • Geralyn DeSoto, 21, 14 gennaio 2002
  • Charlotte Murray Pace, 21, 31 maggio 2002
  • Diane Alexander, 9 luglio 2002 (sopravvissuta)
  • Pamela Kinamore, 44, 12 luglio 2002
  • Dene Colomb, 23, 21 novembre 2002
  • Carrie Lynn Yoder, 3 marzo 2003

Possibili vittime

Connie Warner di Zachary, in Louisiana, è stata colpita a morte con un martello il 23 agosto 1992. Il suo corpo è stato trovato il 2 settembre vicino ai Capital Lakes a Baton Rouge, Louisiana. Nessuna prova ha collegato Lee al suo omicidio.

Eugenie Boisfontaine, che viveva vicino alla Louisiana State University di Baton Rouge, fu assassinata il 13 giugno 1997. Il suo corpo fu scoperto nove mesi dopo sotto un pneumatico lungo il bordo di Bayou Manchac. Nessuna prova ha collegato Lee a quell'omicidio.

Troppi serial killer

Le indagini su casi di omicidio irrisolti di donne a Baton Rouge non andavano da nessuna parte. Ci sono molte ragioni per cui Lee, sebbene mentalmente sfidato, è riuscito a evitare la cattura:

  • Lee rimase in movimento. In 10 anni si sospetta che abbia commesso stupri e omicidi, cambiando costantemente lavoro, spostandosi tra le città del sud della Louisiana e uscendo e uscendo di prigione. Fu solo quando si concentrò sulle aree intorno alla LSU e lasciò i corpi di due vittime al varo di una barca a Whiskey Bay che gli investigatori passarono dalla risoluzione degli omicidi alla ricerca di un serial killer.
  • La comunicazione tra investigatori di diverse città era rara.
  • Dal 1991 al 2001 ci sono stati 53 omicidi irrisolti di donne a Baton Rouge. Venivano da diversi background ed etnie e le cause della morte variavano. La città era in stato di massima allerta e il governo era in fermento.
  • Nell'agosto 2002 è stata costituita la task force multi-agenzia dell'area di Baton Rouge e sono state ampliate le comunicazioni tra investigatori della parrocchia (contea). Ma invece di catturare un serial killer, la task force ha finito per avere più omicidi da risolvere.

Nel corso dei due anni successivi, altre 18 donne sono state trovate morte e l'unica prova ha portato la polizia nella direzione sbagliata. Ciò che gli investigatori non sapevano all'epoca o non avevano detto al pubblico era che due, forse tre serial killer erano responsabili di molti degli omicidi.

Profiling

Quando si trattava di tracciare e catturare Lee, la profilazione del serial killer tradizionale non funzionava:

  • Era nero e la maggior parte dei serial killer sono maschi bianchi.
  • La maggior parte dei serial killer sceglie le vittime della propria razza. Lee ha ucciso donne in bianco e nero.
  • Molti serial killer usano il metodo dell'uccisione come firma, quindi ricevono credito per l'uccisione. Lee ha usato diversi metodi.

Ma Lee ha fatto una cosa che si adattava al profilo di un serial killer: teneva i ciondoli dalle sue vittime.

Nel 2002 uno schizzo composito del sospetto serial killer è stato rilasciato al pubblico. L'immagine di un maschio bianco con naso lungo, viso lungo e capelli lunghi. Una volta che la foto è stata rilasciata, la task force è stata inondata di telefonate e le indagini si sono impantanate in seguito a suggerimenti.

Cerca Stretti

Quindi, il 23 maggio 2003, la Task Force multi-agenzia ha rilasciato uno schizzo di un uomo ricercato per essere interrogato sugli attacchi a una donna nella parrocchia di St. Martin. È stato descritto come un maschio nero dalla pelle chiara, con i capelli castani corti e gli occhi castani, probabilmente tra i 20 ei 30 anni. Infine, l'inchiesta era sulla buona strada.

Intorno al momento del rilascio del nuovo schizzo, il DNA veniva raccolto nelle parrocchie dove erano avvenuti omicidi irrisolti di donne. All'epoca Lee viveva nella Parrocchia della Feliciana occidentale e gli fu chiesto di dare un tampone per il test del DNA. Non solo la sua storia criminale interessava gli investigatori, ma anche il suo aspetto somigliava al nuovo schizzo.

Gli investigatori si sono precipitati sul DNA di Lee e hanno avuto la loro risposta entro poche settimane. Il DNA di Lee corrispondeva a campioni prelevati da Yoder, Green, Pace, Kinamore e Colomb.

Lee e la sua famiglia sono fuggiti dalla Louisiana il giorno in cui ha fornito il suo DNA. Fu catturato ad Atlanta, in Georgia, e tornò in Louisiana un giorno dopo l'emissione del suo mandato di arresto.

Convinzioni

Nell'agosto 2004 è stato dichiarato colpevole dell'omicidio di secondo grado di DeSoto ed è stato condannato all'ergastolo senza condizionale.

Nell'ottobre 2004 Lee è stato dichiarato colpevole di stupro e omicidio di Pace ed è stato condannato a morte per iniezione letale. Nel 2008, la Corte suprema della Louisiana ha confermato la condanna e la condanna a morte. Lee rimase nel braccio della morte nel penitenziario dello Stato della Louisiana in Angola, Louisiana.

Il 16 gennaio 2016, Lee, 47 anni, è stato trasferito al Lane Memorial Hospital di Zachary, in Louisiana, per cure di emergenza e morì di malattie cardiache il 21 gennaio.