Interessante

New York Times Co. v. USA: Corte suprema, argomenti, impatto

New York Times Co. v. USA: Corte suprema, argomenti, impatto

La New York Times Company contro gli Stati Uniti (1971) ha opposto le libertà del Primo Emendamento contro gli interessi di sicurezza nazionale. Il caso riguardava la questione se il ramo esecutivo del governo degli Stati Uniti potesse richiedere un'ingiunzione contro la pubblicazione di materiale classificato. La Corte Suprema ha riscontrato che la moderazione preventiva comporta una "presunzione pesante contro la validità costituzionale".

Fatti veloci: New York Times Co. v. Stati Uniti

  • Caso discusso: 26 giugno 1971
  • Decisione emessa: 30 giugno 1971
  • Petitore: New York Times Company
  • Intervistato: Eric Griswold, solicitor generale per gli Stati Uniti
  • Domande chiave: L'Amministrazione Nixon ha violato la libertà di stampa ai sensi del Primo Emendamento quando hanno tentato di bloccare la pubblicazione dei Documenti del Pentagono?
  • Maggioranza: Justices Black, Douglas, Brennan, Stewart, White, Marshall
  • dissenzienti: Justices Burger, Harlan, Blackmun
  • Dominante: Il governo non avrebbe dovuto limitare la pubblicazione. Esiste una "forte presunzione" contro la moderazione preventiva e l'amministrazione Nixon non ha potuto superare tale presunzione.

Fatti del caso

Il 1 ° ottobre 1969, Daniel Ellsberg aprì una cassaforte nel suo ufficio alla Rand Corporation, un importante appaltatore militare. Tirò fuori una parte di uno studio di 7.000 pagine e lo portò a un'agenzia pubblicitaria vicina sopra un negozio di fiori. Fu lì che lui e un amico, Anthony Russo Jr., copiarono le prime pagine di quello che sarebbe poi diventato noto come Pentagono.

Ellsberg alla fine fece un totale di due copie di "Storia del processo decisionale americano sulla politica del Vietnam", che fu etichettato "Top Secret - Sensitive". Ellsberg fece trapelare la prima copia al reporter del New York Times Neil Sheehan nel 1971, dopo un anno di cercare di convincere i legislatori a pubblicizzare lo studio.

Lo studio ha dimostrato che l'ex presidente Lyndon B. Johnson aveva mentito al popolo americano sulla gravità della guerra del Vietnam. Ha rivelato che il governo sapeva che la guerra sarebbe costata più vite e più denaro di quanto precedentemente previsto. Nella primavera del 1971, gli Stati Uniti erano stati ufficialmente coinvolti nella guerra del Vietnam per sei anni. Il sentimento contro la guerra stava crescendo, sebbene l'amministrazione del presidente Richard Nixon sembrasse ansiosa di continuare lo sforzo bellico.

Il New York Times ha iniziato a stampare parti del rapporto il 13 giugno 1971. Le questioni legali sono aumentate rapidamente. Il governo ha chiesto un'ingiunzione nel distretto meridionale di New York. Il tribunale ha negato l'ingiunzione ma ha emesso un ordine restrittivo temporaneo per consentire al governo di preparare un appello. Il giudice del circuito Irving R. Kaufman ha continuato il temporaneo ordine restrittivo mentre proseguivano le audizioni nella Corte d'appello degli Stati Uniti.

Il 18 giugno, il Washington Post ha iniziato a stampare parti delle carte del Pentagono.

Il 22 giugno 1971, otto giudici del circuito hanno ascoltato il caso del governo. Il giorno seguente hanno emesso un accertamento: la Corte d'appello degli Stati Uniti ha rifiutato l'ingiunzione. Il governo si è rivolto al tribunale supremo per essere esaminato, presentando una petizione alla Corte suprema degli Stati Uniti. Gli avvocati di entrambe le parti sono comparsi dinanzi alla Corte per discussioni orali il 26 giugno, solo una settimana e mezzo dopo che il governo ha perseguito la sua ingiunzione iniziale.

Domanda costituzionale

L'amministrazione Nixon ha violato il Primo Emendamento quando ha cercato di impedire al New York Times e al Washington Post di stampare estratti di un rapporto governativo classificato?

Argomenti

Alexander M. Bickel ha sostenuto il caso per il New York Times. La libertà di stampa protegge le pubblicazioni dalla censura del governo e, storicamente parlando, è stata esaminata ogni forma di moderazione preventiva, ha sostenuto Bickel. Il governo ha violato il Primo Emendamento quando ha cercato di impedire a due giornali di pubblicare articoli in anticipo.

Il procuratore generale degli Stati Uniti, Erwin N. Griswold, ha sostenuto il caso per il governo. La pubblicazione dei giornali avrebbe causato danni irreparabili al governo, ha sostenuto Griswold. I documenti, una volta resi pubblici, potrebbero ostacolare i rapporti dell'amministrazione con potenze straniere o mettere a repentaglio gli attuali sforzi militari. La Corte dovrebbe concedere un'ingiunzione, permettendo al governo di esercitare una moderazione preventiva, al fine di proteggere la sicurezza nazionale, Griswold ha detto alla Corte. Griswold notò che i giornali erano classificati top secret. Se gli fossero stati concessi 45 giorni, l'amministrazione Nixon avrebbe potuto nominare una task force congiunta per rivedere e declassificare lo studio. Se fosse autorizzato a farlo, il governo non avrebbe più chiesto un'ingiunzione, ha affermato.

Opinione di Per Curiam

La Corte Suprema ha emesso una decisione di tre paragrafi per curiam con una maggioranza di sei giudici. La Corte ha trovato a favore del New York Times e ha negato qualsiasi atto di moderazione preventiva. Il governo, "porta un pesante fardello nel dimostrare la giustificazione per l'imposizione di una tale limitazione", concordò la maggioranza dei giudici. Il governo non ha potuto sostenere questo onere, rendendo incostituzionale la pubblicazione. La Corte ha liberato tutti gli ordini restrittivi temporanei emessi dai tribunali inferiori.

Questo era tutto ciò su cui i giudici potevano essere d'accordo. Il giudice Hugo Black, in concomitanza con il giudice Douglas, sosteneva che qualsiasi forma di moderazione preventiva era contraria a ciò che i Padri Fondatori intendevano mettere in atto il Primo Emendamento. Il giudice Black ha elogiato il New York Times e il Washington Post per aver pubblicato i Pentagon Papers.

Justice Black ha scritto:

"Sia la storia che la lingua del Primo Emendamento supportano l'opinione secondo cui la stampa deve essere libera di pubblicare notizie, qualunque sia la fonte, senza censura, ingiunzioni o restrizioni precedenti."

Chiedere un'ingiunzione, ha scritto il giudice Black, è stato chiedere alla Corte Suprema di concordare sul fatto che il ramo esecutivo e il Congresso potrebbero violare il Primo Emendamento nell'interesse della "sicurezza nazionale". Il concetto di "sicurezza" era troppo ampio, Il giudice Black ha ritenuto, per consentire una simile sentenza.

Il giudice William J. Brennan Jr. fu autore di una concordanza che suggeriva che una moderazione preventiva potesse essere utilizzata nell'interesse della sicurezza nazionale, ma che il governo avrebbe dovuto mostrare inevitabili, dirette e immediate conseguenze negative. Il governo non ha potuto sostenere questo onere in termini di documenti del Pentagono, ha scoperto.

Dissenso

I giudici Harry Blackmun, Warren E. Burger e John Marshall Harlan dissentirono. In dissidenti indipendenti, hanno sostenuto che la Corte dovrebbe rinviare al ramo esecutivo quando viene messa in discussione la sicurezza nazionale. Solo i funzionari del governo potevano conoscere i modi in cui le informazioni potevano danneggiare gli interessi militari. Il caso era stato affrettato, hanno sostenuto entrambi i giudici, e alla Corte non era stato concesso abbastanza tempo per valutare appieno le complessità legali in gioco.

Urto

New York Times Co. contro Stati Uniti è stata una vittoria per giornali e sostenitori della stampa libera. La sentenza stabilì una censura governativa di alto livello. Tuttavia, l'eredità di New York Times Co. contro gli Stati Uniti rimane incerta. La Corte ha presentato un fronte fratturato, producendo una decisione per curiam che rende difficile il verificarsi di una moderazione preventiva, ma non mette completamente fuori legge la pratica. L'ambiguità della sentenza della Corte Suprema nel suo insieme lascia aperta la porta a casi futuri di moderazione preventiva.

Fonti

  • New York Times Co. contro Stati Uniti, 403 U.S. 713 (1971).
  • Martin, Douglas. "Anthony J. Russo, 71 anni, figura del Pentagono, muore."Il New York Times, The New York Times, 9 agosto 2008, //www.nytimes.com/2008/08/09/us/politics/09russo.html.
  • Chokshi, Niraj. "Dietro la corsa per pubblicare i documenti del Pentagono top-secret."Il New York Times, The New York Times, 20 dicembre 2017, //www.nytimes.com/2017/12/20/us/pentagon-papers-post.html.