Interessante

Scrittura giapponese per principianti

Scrittura giapponese per principianti

La scrittura potrebbe essere una delle parti più difficili, ma anche divertenti, dell'apprendimento del giapponese. I giapponesi non usano un alfabeto. Esistono invece tre tipi di script in giapponese: kanji, hiragana e katakana. La combinazione di tutti e tre viene utilizzata per la scrittura.

Kanji

In parole povere, il kanji rappresenta blocchi di significato (sostantivi, gambi di aggettivi e verbi). Kanji fu portato dalla Cina intorno al 500 E.V. e quindi si basa sullo stile dei caratteri cinesi scritti a quel tempo. La pronuncia del kanji divenne una miscela di letture giapponesi e letture cinesi. Alcune parole sono pronunciate come la lettura cinese originale.

Per quelli che hanno più familiarità con il giapponese, potresti capire che i personaggi kanji non suonano come le loro controparti cinesi moderne. Questo perché la pronuncia kanji non si basa sulla lingua cinese moderna, ma l'antico cinese parlava intorno al 500 E.V.

In termini di pronuncia kanji, esistono due metodi diversi: in lettura e lettura in kun. On-reading (On-yomi) è la lettura cinese di un personaggio kanji. Si basa sul suono del personaggio kanji pronunciato dai cinesi al momento dell'introduzione del personaggio, e anche dall'area in cui è stato importato. Kun-reading (Kun-yomi) è la lettura giapponese nativa associata al significato della parola. Per una distinzione più chiara e una spiegazione di come decidere tra la lettura e la lettura kun, leggi cos'è la lettura e la lettura Kun?

Imparare il kanji può essere intimidatorio in quanto ci sono migliaia di personaggi unici. Inizia a costruire il tuo vocabolario imparando i 100 personaggi kanji più comuni usati nei giornali giapponesi. Essere in grado di riconoscere i caratteri di uso frequente nei giornali è una buona introduzione alle parole pratiche utilizzate ogni giorno.

Hiragana

Gli altri due script, hiragana e katakana, sono entrambi sistemi kana in giapponese. Il sistema Kana è un sistema fonetico sillabico simile all'alfabeto. Per entrambi gli script, ogni carattere corrisponde in genere a una sillaba. Questo è diverso dallo script kanji, in cui un personaggio può essere pronunciato con più di una sillaba.

I caratteri Hiragana sono usati per esprimere la relazione grammaticale tra le parole. Quindi, hiragana è usato come particelle di frase e per flettere aggettivi e verbi. Hiragana è anche usato per trasmettere parole giapponesi native che non hanno una controparte kanji, oppure è usato come una versione semplificata di un carattere kanji complesso. Al fine di enfatizzare lo stile e il tono in letteratura, hiragana può prendere il posto del kanji per trasmettere un tono più casual. Inoltre, hiragana viene utilizzato come guida alla pronuncia dei caratteri kanji. Questo sistema di ausilio alla lettura si chiama furigana.

Ci sono 46 caratteri nel sillabario hiragana, composto da 5 vocali singolari, 40 unioni di vocali consonanti e 1 consonante singolare.

La sceneggiatura sinuosa di Hiragana deriva dallo stile corsivo della calligrafia cinese popolare al tempo in cui Hiragana fu introdotto per la prima volta in Giappone. Inizialmente, l'iragana è stata sottovalutata da élite istruite in Giappone che hanno continuato a usare solo kanji. Di conseguenza, hiragana divenne popolare in Giappone tra le donne poiché alle donne non venivano garantiti gli alti livelli di istruzione disponibili per gli uomini. A causa di questa storia, hiragana viene anche definita onnade, o "scrittura delle donne".

Per suggerimenti su come scrivere correttamente hiragana, segui queste guide tratto per tratto.

Katakana

Come hiragana, il katakana è una forma di sillabario giapponese. Sviluppato nell'800 E.V. durante il periodo Heian, il katakana è composto da 48 caratteri di cui 5 vocali del nucleo, 42 sillabogrammi del nucleo e 1 consonante di coda.

Katakana è usato con nomi stranieri traslitterati, nomi di luoghi stranieri e parole in prestito di origine straniera. Mentre i kanji sono parole prese in prestito dall'antico cinese, il katakana è usato per traslitterare le parole cinesi moderne. Questo copione giapponese è anche usato per onomatopea, il nome scientifico tecnico di animali e piante. Come il corsivo o il grassetto nelle lingue occidentali, il katakana è usato per enfatizzare una frase.

In letteratura, la scrittura katakana può sostituire kanji o hiragana per enfatizzare l'accento di un personaggio. Ad esempio, se uno straniero o, come nei manga, un robot parla in giapponese, il suo discorso è spesso scritto in katakana.

Ora che sai a cosa serve katakana, puoi imparare a scrivere lo script katakana con queste guide numerate.

Suggerimenti generali

Se vuoi imparare la scrittura giapponese, inizia con hiragana e katakana. Una volta che ti senti a tuo agio con questi due script, puoi iniziare a imparare il kanji. Hiragana e katakana sono più semplici dei kanji e hanno solo 46 caratteri ciascuno. È possibile scrivere un'intera frase giapponese in hiragana. Molti libri per bambini sono scritti solo in hiragana, e i bambini giapponesi iniziano a leggere e scrivere in hiragana prima di fare un tentativo di apprendere alcuni dei duemila kanji comunemente usati.

Come la maggior parte delle lingue asiatiche, il giapponese può essere scritto in verticale o in orizzontale. Maggiori informazioni su quando si dovrebbe scrivere in verticale anziché in orizzontale.

Guarda il video: Lez. 1 Il giapponese con ERIKO introduzione alla lingua giapponese (Luglio 2020).