Interessante

Quanti giudici della Corte suprema ci sono?

Quanti giudici della Corte suprema ci sono?

Ci sono nove membri della Corte Suprema, e quel numero è rimasto invariato dal 1869. Il numero e la durata degli appuntamenti sono stabiliti per statuto e il Congresso degli Stati Uniti ha la possibilità di cambiare quel numero. In passato, cambiare quel numero era uno degli strumenti che il Congresso utilizzava per frenare un presidente che non gli piaceva.

In sostanza, in assenza di modifiche legislative alle dimensioni e alla struttura della Corte suprema, il Presidente prende le nomine mentre i giudici si dimettono, si ritirano o passano. Alcuni presidenti hanno nominato diversi giudici: il primo presidente George Washington ha nominato 11, Franklin D. Roosevelt nominato 9 per i suoi quattro mandati e William Howard Taft nominato 6. Ciascuno di questi è stato in grado di nominare un giudice supremo. Alcuni presidenti (William Henry Harrison, Zachary Taylor, Andrew Johnson e Jimmy Carter) non hanno avuto l'opportunità di fare una sola nomination.

Istituzione della Corte suprema

Il primo atto giudiziario fu approvato nel 1789, quando fu istituita la stessa Corte Suprema, e ne stabilì sei come numero di membri. Nella prima struttura giudiziaria, il numero di giudici corrispondeva al numero di circuiti giudiziari. Il Judiciary Act del 1789 istituì tre tribunali circolari per i nuovi Stati Uniti, e ogni circuito sarebbe presidiato da due giudici della Corte Suprema che avrebbero cavalcato il circuito per una parte dell'anno, e avrebbero sede nell'allora capitale di Filadelfia il resto del il tempo.

Dopo che Thomas Jefferson vinse le controverse elezioni del 1800, il Congresso federalista zoppo non volle che fosse in grado di selezionare un nuovo incarico giudiziario. Hanno approvato una nuova legge sull'ordinamento giudiziario che riduce la corte a cinque dopo il prossimo posto vacante. L'anno seguente, il Congresso abrogò quel disegno di legge federalista e restituì il numero a sei.

Nel corso del secolo e mezzo successivo, mentre i circuiti venivano aggiunti senza troppe discussioni, così come i membri della Corte suprema. Nel 1807, il numero di tribunali circolari e giudici fu fissato a sette; nel 1837, nove; e nel 1863 fu aggiunto il decimo tribunale del circuito per la California e il numero di entrambi i circuiti e i giudici divenne dieci.

Ricostruzione e fondazione di nove

Nel 1866, il Congresso repubblicano approvò un atto che riduceva le dimensioni della Corte da dieci a sette, al fine di limitare la capacità del presidente Johnson di nominare giudici. Dopo che Lincoln finì la schiavitù e fu assassinato, il suo successore Andrew Johnson nominò Henry Stanbery per succedere a John Catron in campo. Nel suo primo anno di carica, Johnson attuò un piano di ricostruzione che diede una mano libera al Sud bianco nel regolare il passaggio dalla schiavitù alla libertà e non offrì ai neri alcun ruolo nella politica del sud: Stanbery avrebbe sostenuto l'implementazione di Johnson.

Il Congresso non voleva che Johnson rovinasse il progresso dei diritti civili messo in moto; e così invece di confermare o respingere Stanbery, il Congresso ha emanato una legislazione che ha eliminato la posizione di Catron e ha chiesto l'eventuale riduzione della Corte Suprema a sette membri.

Il Judiciary Act del 1869, quando era in carica il repubblicano U.S. Grant, aumentò il numero di giudici da sette a nove, e da allora è rimasto lì. Nominò anche un tribunale giudiziario: i Supremes dovettero cavalcare il circuito solo una volta oltre due anni. Il Judiciary Act del 1891 non cambiò il numero di giudici, ma creò una corte d'appello in ogni circuito, quindi i Supremes non dovettero più lasciare Washington.

Piano di imballaggio di Franklin Roosevelt

Nel 1937, il presidente Franklin D. Roosevelt presentò al Congresso un piano di riorganizzazione che avrebbe permesso alla Corte di affrontare i problemi di "personale insufficiente" e giudici superannuiti. Nel "Piano di confezionamento", come era noto ai suoi avversari, Roosevelt suggerì che avrebbe dovuto essere nominato un giudice aggiuntivo per chiunque fosse seduto di età superiore ai 70 anni.

Il suggerimento di Roosevelt è nato dalla sua frustrazione per il fatto che i suoi tentativi di stabilire un programma completo per il New Deal fossero ostacolati dalla Corte. Anche se all'epoca il Congresso aveva una maggioranza di Democratici, il piano fu clamorosamente sconfitto al Congresso (70 contro, 20 a favore), perché dissero che "indeboliva l'indipendenza della Corte (e) in violazione della Costituzione".

Fonti

  • Frankfurter, Felix. "Gli affari della Corte suprema degli Stati Uniti. Uno studio nel sistema giudiziario federale. Ii. Dalla guerra civile al Circuit Courts of Appeals Act." Revisione della legge di Harvard 39,1 (1925): 35-81. Stampare.
  • Lawlor, John M. "Revisione del tribunale: una proposta per razionalizzare il calendario delle nomine alla Corte suprema". Revisione della legge dell'Università della Pennsylvania 134,4 (1986): 967-1000. Stampare.
  • Robinson, Nick. "Questioni strutturali: l'impatto della struttura giudiziaria sulle corti supreme indiane e statunitensi". The American Journal of Comparative Law 61,1 (2013): 173-208. Stampare.
  • Schmidhauser, John R. "L'emendamento del maggiordomo: un'analisi di un non avvocato". Giornale dell'American Bar Association 43,8 (1957): 714-64. Stampare.