Interessante

Chi era Andromache?

Chi era Andromache?

Andromache è una figura mitologica nella letteratura greca, incluso il Iliade e opere di Euripide, inclusa una commedia intitolata a lei.

Andromache era, nelle leggende greche, la moglie di Ettore, figlio primogenito ed erede del re Priamo di Troia e della moglie di Priamo, Ecuba. Divenne quindi parte del bottino di guerra, una delle donne prigioniere di Troia, e fu data al figlio di Achille.

I matrimoni:

  1. ettore
    1. Figlio: Scamandrius, chiamato anche Astyanax
    2. Tre figli, tra cui Pergamo
  2. Neottolemo, figlio di Achille, re dell'Epiro, Elena, fratello di Ettore, re dell'Epiro

Andromache nell'Iliade

Gran parte della storia di Andromache è nel libro 6 de "Iliade" di Omero. Nel libro 22 viene menzionata la moglie di Ettore, ma non viene nominata.

Il marito di Andromache, Hector, è uno dei personaggi principali di Iliadee nelle prime menzioni, Andromache funziona come la moglie amorevole, dando un senso della lealtà e della vita di Ettore al di fuori della battaglia. Il loro matrimonio è anche in contrasto con quello di Parigi ed Elena, essendo pienamente legittimo e una relazione d'amore.

Quando i Greci stanno guadagnando sui Troiani, ed è chiaro che Hector deve guidare l'attacco per respingere i Greci, Andromache supplica il marito alle porte. Una cameriera tiene in braccio il loro bambino, Astyanax, e Andromache lo supplica sia per sé che per il loro bambino. Hector spiega che deve combattere e che la morte lo porterà ogni volta che è il suo momento. Hector prende suo figlio dalle braccia della domestica. Quando il suo elmetto spaventa il bambino, Hector lo toglie. Prega Zeus per il glorioso futuro di suo figlio come capo e guerriero. L'incidente serve nella trama per dimostrare che, mentre Hector ha affetto per la sua famiglia, è disposto a mettere il proprio dovere al di sopra di stare con loro.

La seguente battaglia è descritta come, essenzialmente, una battaglia in cui prevale prima un dio, poi un altro. Dopo diverse battaglie, Hector viene ucciso da Achille dopo aver ucciso Patroclo, compagno di Achille. Achille tratta il corpo di Ettore in modo disonorevole e alla fine riluttante rilascia il corpo a Priamo solo per un funerale (Libro 24), con il quale finisce "Iliade".

Il libro 22 dell '"Iliade" menziona Andromache (anche se non per nome) in preparazione al ritorno di suo marito. Quando riceve la notizia della sua morte, Homer descrive il suo tradizionale lamento emotivo per suo marito.

Fratelli di Andromache nell'Iliade

Nel libro 17 de "Iliade", Omero menziona Podes, un fratello di Andromache. Baccelli hanno combattuto con i Trojan. Menelao lo uccise. Nel libro 6 dell '"Iliade", Andromache è raffigurato come dicendo che suo padre e i suoi sette figli furono uccisi da Achille in Tebe cilico durante la guerra di Troia. (Achille avrebbe anche ucciso il marito di Andromache, Ettore). Ciò sembrerebbe una contraddizione a meno che Andromache non avesse più di sette fratelli.

I genitori di Andromache

Andromache era la figlia di Eëtion, secondo il Iliade. Era il re di Cilician Tebe. La madre di Andromache, la moglie di Eëtion, non ha un nome. Fu catturata nel raid che uccise Eëtion e i suoi sette figli, e dopo la sua liberazione, morì a Troia su istigazione della dea Artemide.

Criseide

Chryseis, una figura minore nel Iliade, viene catturato nel raid sulla famiglia di Andromache a Tebe e consegnato ad Agamennone. Suo padre era un sacerdote di Apollo, Chryses. Quando Agamennone è costretto a restituirla da Achille, Agamennone prende invece Briseis da Achille, con il risultato che Achille si assenta dalla battaglia per protesta. È conosciuta in alcune pubblicazioni come Asynome o Cressida.

Andromache nel Piccola Iliade

Questa epopea sulla guerra di Troia sopravvive solo in trenta righe dell'originale e una sintesi di uno scrittore successivo.

In questa epopea, Neottolemo (chiamato anche Pirro negli scritti greci), figlio di Achille di Deidamia (figlia di Licomede di Sciro), prende Andromaca come prigioniero e schiavo e getta Astyanax - l'erede apparente dopo la morte di Priamo e Ettore - dalle mura di Troia.

Rendendo Andromache la sua concubina, Neottolemo divenne re dell'Epiro. Un figlio di Andromaca e Neottolemo era Molosso, un antenato di Olimpia, madre di Alessandro Magno.

Deidamia, la madre di Neottolemo, era, secondo le storie raccontate da scrittori greci, incinta quando Achille partì per la guerra di Troia. Neottolemo si unì a suo padre nei combattimenti più tardi. Oreste, figlio di Clitennestra e di Agamennone, uccise Neottolemo, adirato quando Menelao promise per la prima volta sua figlia Hermione a Oreste, poi la diede a Neottolemo.

Andromache in Euripide

La storia di Andromache dopo la caduta di Troia è anche l'argomento delle opere teatrali di Euripide. Euripide racconta dell'uccisione di Ettore da parte di Achille, e quindi del lancio di Astyanax dalle mura di Troia. Nella divisione delle donne in cattività, Andromache fu dato al figlio di Achille, Neottolemo. Andarono in Epiro dove Neottolemo divenne re e generò tre figli da Andromache. Andromache e il suo primo figlio fuggirono uccisi dalla moglie di Neottolemo, Hermione.

Neottolemo viene ucciso a Delfi. Lasciò Andromache e l'Epiro al fratello di Ettore, Helenus, che li aveva accompagnati all'Epiro, e lei è di nuovo la regina dell'Epiro.

Dopo la morte di Helenus, Andromache e suo figlio Pergamo lasciarono l'Epiro e tornarono in Asia Minore. Lì Pergamo fondò una città che prese il suo nome e Andromache morì di vecchiaia.

Altre menzioni letterarie di Andromache

Opere d'arte d'epoca classiche raffigurano la scena in cui Andromache e Hector si separano, cercando di convincerlo a rimanere, tenendo in braccio il loro bambino, e lui la conforta ma si rivolge al suo dovere - e alla morte. La scena è stata una delle preferite anche in periodi successivi.

Altre menzioni di Andromache sono in Virgilio, Ovidio, Seneca e Saffo.

Pergamo, probabilmente la città di Pergamo, che si dice sia stata fondata dal figlio di Andromache, è menzionata in Apocalisse 2:12 delle scritture cristiane.

Andromache è un personaggio secondario nella commedia di Shakespeare, Troilus e Cressida. Nel 17esimo secolo, Jean Racine, drammaturgo francese, scrisse "Andromaque". È stata descritta in un'opera e poesia tedesche del 1932.

Più recentemente, la scrittrice di fantascienza Marion Zimmer Bradley l'ha inclusa in "The Firebrand" come Amazon. Il suo personaggio appare nel film "Le donne di Troia" del 1971, interpretato da Vanessa Redgrave, e nel film "Troia" del 2004, interpretato da Saffron Burrows.

Guarda il video: Ettore e Andromaca (Luglio 2020).