Vita

Comprensione della teoria dei conflitti

Comprensione della teoria dei conflitti

La teoria dei conflitti afferma che tensioni e conflitti sorgono quando risorse, status e potere sono distribuiti in modo diseguale tra i gruppi della società e che questi conflitti diventano il motore del cambiamento sociale. In questo contesto, il potere può essere inteso come controllo delle risorse materiali e della ricchezza accumulata, controllo della politica e delle istituzioni che compongono la società e il proprio status sociale rispetto agli altri (determinato non solo dalla classe ma da razza, genere, sessualità, cultura e religione, tra le altre cose).

Karl Marx

"Una casa può essere grande o piccola; fintanto che le case vicine sono ugualmente piccole, soddisfa tutti i requisiti sociali per una residenza. Ma lascia che sorgano accanto alla casetta un palazzo e la casetta si restringe in una capanna." Lavoro salariato e capitale (1847)

Teoria del conflitto di Marx

La teoria dei conflitti ebbe origine nel lavoro di Karl Marx, che si concentrò sulle cause e sulle conseguenze del conflitto di classe tra la borghesia (i proprietari dei mezzi di produzione e i capitalisti) e il proletariato (la classe operaia e i poveri). Concentrandosi sulle implicazioni economiche, sociali e politiche dell'ascesa del capitalismo in Europa, Marx teorizzò che questo sistema, basato sull'esistenza di una potente classe di minoranza (la borghesia) e una classe di maggioranza oppressa (il proletariato), crearono conflitti di classe perché gli interessi dei due erano in contrasto e le risorse erano ingiustamente distribuite tra loro.

All'interno di questo sistema un ordine sociale disuguale è stato mantenuto attraverso la coercizione ideologica che ha creato consenso - e l'accettazione dei valori, aspettative e condizioni come determinato dalla borghesia. Marx ha teorizzato che il lavoro di produzione del consenso è stato svolto nella "sovrastruttura" della società, che è composta da istituzioni sociali, strutture politiche e cultura, e ciò per cui ha prodotto il consenso era la "base", le relazioni economiche della produzione.

Marx pensò che mentre le condizioni socio-economiche peggioravano per il proletariato, avrebbero sviluppato una coscienza di classe che rivelava il loro sfruttamento da parte della ricca classe capitalista della borghesia, e poi si ribellavano, chiedendo cambiamenti per appianare il conflitto. Secondo Marx, se le modifiche apportate per placare il conflitto mantenessero un sistema capitalista, il ciclo del conflitto si ripeterebbe. Tuttavia, se i cambiamenti apportati creassero un nuovo sistema, come il socialismo, si otterrebbero pace e stabilità.

Evoluzione della teoria dei conflitti

Molti teorici sociali si sono basati sulla teoria del conflitto di Marx per rafforzarla, farla crescere e perfezionarla nel corso degli anni. Spiegando perché la teoria della rivoluzione di Marx non si manifestò nel corso della sua vita, lo studioso e attivista italiano Antonio Gramsci sostenne che il potere dell'ideologia era più forte di quanto Marx avesse realizzato e che fosse necessario lavorare di più per superare l'egemonia culturale o governare attraverso il buon senso. Max Horkheimer e Theodor Adorno, teorici della critica che facevano parte della Scuola di Francoforte, hanno concentrato il loro lavoro su come l'ascesa della cultura di massa - arte, musica e media prodotti in serie - abbia contribuito al mantenimento dell'egemonia culturale. Più recentemente, C. Wright Mills ha attinto alla teoria dei conflitti per descrivere l'ascesa di una piccola "élite di potere" composta da figure militari, economiche e politiche che hanno governato l'America dalla metà del XX secolo.

Molti altri hanno attinto alla teoria dei conflitti per sviluppare altri tipi di teoria all'interno delle scienze sociali, tra cui la teoria femminista, la teoria della razza critica, la teoria postmoderna e postcoloniale, la teoria queer, la teoria post-strutturale e le teorie della globalizzazione e dei sistemi del mondo. Quindi, mentre inizialmente la teoria dei conflitti descriveva specificamente i conflitti di classe, nel corso degli anni si è prestata a studiare come altri tipi di conflitti, come quelli che si basano su razza, genere, sessualità, religione, cultura e nazionalità, tra gli altri, fanno parte delle strutture sociali contemporanee e come influenzano la nostra vita.

Applicazione della teoria dei conflitti

La teoria dei conflitti e le sue varianti sono oggi utilizzate da molti sociologi per studiare una vasta gamma di problemi sociali. Esempi inclusi:

Aggiornato da Nicki Lisa Cole, Ph.D.

Guarda il video: La gestione creativa del conflitto 217 puntata di "Crescere per Educare" (Luglio 2020).