Interessante

Come l'ordine esecutivo 9981 ha desegregato i militari statunitensi

Come l'ordine esecutivo 9981 ha desegregato i militari statunitensi

La promulgazione del decreto esecutivo 9981 non solo ha distrutto le forze armate statunitensi, ma ha anche aperto la strada al movimento per i diritti civili. Prima che l'ordine entrasse in vigore, gli afro-americani avevano una lunga storia di servizio militare. Hanno combattuto nella seconda guerra mondiale per quelle che il presidente Franklin Roosevelt ha definito le "quattro libertà umane essenziali", anche se hanno dovuto affrontare segregazione, violenza razziale e mancanza di diritti di voto in patria.

Quando gli Stati Uniti e il resto del mondo hanno scoperto l'intera portata del piano di genocidio della Germania nazista contro gli ebrei, gli americani bianchi sono diventati più disposti ad esaminare il razzismo del proprio paese. Nel frattempo, il ritorno dei veterani afroamericani è stato determinato a sradicare l'ingiustizia negli Stati Uniti. In questo contesto, la desegregazione dell'esercito ebbe luogo nel 1948.

Commissione per i diritti civili del presidente Truman

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, il presidente Harry Truman ha posto i diritti civili in cima alla sua agenda politica. Mentre i dettagli dell'olocausto dei nazisti hanno scioccato molti americani, Truman stava già guardando avanti al conflitto quasi certo con l'Unione Sovietica. Per convincere le nazioni straniere ad allinearsi con le democrazie occidentali e rifiutare il socialismo, gli Stati Uniti dovevano liberarsi del razzismo e iniziare a praticare sul serio gli ideali di libertà e libertà per tutti.

Nel 1946, Truman istituì un Comitato per i diritti civili, che gli riferì nel 1947. Il comitato documentò violazioni dei diritti civili e violenza razziale e sollecitò Truman a prendere provvedimenti per liberare il paese dalla "malattia" del razzismo. Uno dei punti del rapporto è stato che gli afro-americani che servono il loro paese lo hanno fatto in un ambiente razzista e discriminatorio.

Ordine esecutivo 9981

L'attivista e leader nero A. Philip Randolph disse a Truman che se non avesse posto fine alla segregazione nelle forze armate, gli afroamericani avrebbero iniziato a rifiutare di prestare servizio nelle forze armate. Alla ricerca del sostegno politico afroamericano e del desiderio di rafforzare la reputazione degli Stati Uniti all'estero, Truman decise di disgregare i militari.

Truman non pensava che una simile legislazione sarebbe passata attraverso il Congresso, quindi ha usato un ordine esecutivo per porre fine alla segregazione militare. L'ordine esecutivo 9981, firmato il 26 luglio 1948, proibiva la discriminazione nei confronti del personale militare a causa di razza, colore, religione o origine nazionale.

Una vittoria dei diritti civili

La desegregazione delle forze armate è stata una grande vittoria dei diritti civili per gli afro-americani. Sebbene un certo numero di bianchi nell'esercito resistesse all'ordine e il razzismo continuasse nelle forze armate, l'Ordine esecutivo 9981 fu il primo grande colpo alla segregazione, dando speranza agli attivisti afroamericani che il cambiamento era possibile.

Fonti

  • "Desegregazione delle forze armate." La biblioteca di Truman.
  • Gardner, Michael R., George M Elsey, Kweisi Mfume. Harry Truman e diritti civili: coraggio morale e rischi politici. Carbondale, IL: SIU Press, 2003.
  • Sitkoff, Harvard. "Afro-americani, ebrei americani e l'Olocausto". The Achievement of American Liberalism: The New Deal and Its Legacy. Ed. William Henry Chafe. New York: Columbia University Press, 2003, pagg. 181-203.