Informazioni

Biografia di Alexander Pope, il poeta più citato d'Inghilterra

Biografia di Alexander Pope, il poeta più citato d'Inghilterra

Alexander Pope (21 maggio 1688-30 maggio 1744) è uno dei poeti più conosciuti e citati in lingua inglese. Si specializzò nella scrittura satirica, che gli valse alcuni nemici ma aiutò il suo linguaggio arguto a resistere per secoli.

Fatti veloci: Alexander Pope

  • Occupazione: Poeta, satirista, scrittore
  • Conosciuto per: La poesia del Papa ha satirizzato la politica e la società inglese del tempo, che gli sono valse ammiratori e nemici durante un'era particolarmente turbolenta della storia britannica. I suoi scritti hanno resistito e lo hanno reso uno degli scrittori inglesi più quotati, secondo solo a Shakespeare.
  • Nato: 21 maggio 1688 a Londra, Inghilterra
  • Morto: 30 maggio 1744 a Twickenham, Middlesex, Inghilterra
  • genitori: Alexander Pope e Edith Turner
  • Citazione notevole: "Insegnami a sentire il dolore di un altro, a nascondere la colpa che vedo, quella misericordia che io mostra agli altri, che la misericordia mi mostra."

Primi anni di vita

Il papa è nato in una famiglia cattolica a Londra. Suo padre, anche lui di nome Alexander, era un commerciante di lino di successo, e sua madre, Edith, apparteneva a una famiglia della classe media. I primi anni di vita del papa coincisero con grandi sconvolgimenti in Inghilterra; lo stesso anno in cui nacque, William e Mary deposero Giacomo II nella Gloriosa Rivoluzione. A causa delle severe restrizioni alla vita pubblica dei cattolici, il papa fu educato nelle scuole cattoliche di Londra che erano tecnicamente illegali, ma silenziosamente tollerate.

Quando il Papa aveva dodici anni, la sua famiglia si trasferì da Londra in un villaggio nel Berkshire, a causa delle leggi che proibivano ai cattolici di vivere a una distanza di dieci miglia da Londra e una corrispondente ondata di sentimenti e azioni anticattoliche. Papa non è stato in grado di continuare la sua istruzione formale mentre viveva in campagna, ma invece ha imparato se stesso leggendo testi di autori classici e poesie in diverse lingue. Anche la salute del papa lo isolò ulteriormente; ha sofferto di una forma di tubercolosi spinale all'età di dodici anni che ha frenato la sua crescita e lo ha lasciato con un gobbo, dolore cronico e problemi respiratori.

Incisione di Alexander Pope, artista sconosciuto. Georgios Art / Getty Images

Nonostante queste lotte, Papa fu introdotto all'istituzione letteraria da giovane, in gran parte grazie al tutoraggio del poeta John Caryll, che prese Papa sotto la sua ala. William Walsh, un poeta meno conosciuto, aiutò Papa a rivedere la sua prima opera importante, I pastoralie le sorelle Blount, Teresa e Martha, divennero amiche per tutta la vita.

Prime pubblicazioni

Quando il Papa pubblicò la sua prima opera, I pastorali, nel 1709, ebbe un successo quasi istantaneo. Due anni dopo, ha pubblicato Un saggio sulla critica, che include alcune delle prime citazioni famose della scrittura di Pope ("Errare è umano, perdonare divino" e "Gli sciocchi si precipitano dentro") ed è stato anche ben accolto.

In questo periodo, il Papa fece amicizia con un gruppo di scrittori contemporanei: Jonathan Swift, Thomas Parnell e John Arbuthnot. Gli scrittori formarono un quartetto satirico chiamato Scriblerus Club, prendendo di mira l'ignoranza e la pedanteria allo stesso modo attraverso il personaggio di "Martinus Scriblerus". Nel 1712, la lingua satirica tagliente di Papa si trasformò in uno scandalo dell'alta società nella vita reale con il suo poema più famoso, The Rape of the Lock. Lo scandalo ruotava attorno a un aristocratico che tagliava una ciocca di capelli da una bella donna senza il suo permesso, e la poesia di Papa ha sia satirizzato l'alta società sia meditato sul consumismo e sul suo rapporto con l'agenzia umana.

Illustrazione della Villa del Papa dal 1871. La casa fu demolita, ma rimase gran parte della grotta. Pentecoste / Getty Images

Durante il periodo di tumulti in seguito alla morte della regina Anna nel 1714 e alla ribellione giacobita del 1715, il papa rimase pubblicamente neutrale, nonostante l'educazione cattolica. Ha anche lavorato alla traduzione di Omero Iliade durante questo periodo. Per alcuni anni visse nella casa dei suoi genitori a Chiswick, ma nel 1719 i profitti della sua traduzione di Omero gli permisero di acquistare la sua casa, una villa a Twickenham. La villa, in seguito conosciuta semplicemente come "Villa del Papa", divenne un luogo tranquillo per Papa, dove creò un giardino e una grotta. La grotta è ancora in piedi, nonostante gran parte del resto della villa sia stata distrutta o ricostruita.

Carriera come satirista

Mentre la carriera di Papa continuava, i suoi scritti satirici divennero sempre più puntuali. Il Dunciad, pubblicato per la prima volta in forma anonima nel 1728, sarebbe diventato un capolavoro di poesia ma gli è valsa una grande ostilità. La poesia è una narrativa similmente eroica che celebra una dea immaginaria e i suoi agenti umani che portano rovina in Gran Bretagna. Le allusioni nel poema erano rivolte a molte figure di spicco e aristocratiche del giorno, così come al governo guidato da Whig.

La satira del papa gli valse così tanti nemici che, per un po ', ogni volta che lasciava la casa, portava con sé il suo Alano e portava le pistole, nel caso di un attacco a sorpresa di uno dei suoi bersagli o dei loro sostenitori. Al contrario, il suo Un saggio sull'uomo era più filosofico, riflettendo sull'ordine naturale dell'universo e suggerendo che anche le imperfezioni del mondo fanno parte di un ordine razionale.

Un saggio sull'uomo differisce da gran parte dell'opera del Papa per il suo ottimismo. Sostiene che la vita funziona secondo un ordine divino e razionale, anche quando le cose sembrano confuse dall'interno della tempesta, per così dire. Tuttavia, è tornato alle sue radici satiriche con Imitazioni di Orazio, una satira di quella che il Papa percepiva come corruzione e scarso gusto culturale durante il regno di Giorgio II.

La poesia del papa ha resistito, nonostante sia passata di moda per un po '. Getty Images

Anni finali e eredità

Dopo il 1738, il papa smise principalmente di produrre nuovi lavori. Ha iniziato a lavorare su aggiunte e revisioni al Dunciad, pubblicando un nuovo "libro" nel 1742 e una revisione completa nel 1743. Nella nuova versione, il Papa ha più chiaramente satirizzato e criticato Horace Walpole, un politico Whig che era al potere e che il Papa ha incolpato di molti dei problemi nella società britannica.

A quel punto, tuttavia, la cattiva salute per tutta la vita di Papa lo stava raggiungendo. Aveva sofferto di dolore cronico, problemi respiratori, un gobbo, febbri alte frequenti e altri problemi fin dall'infanzia. Nel 1744, il suo medico lo rassicurò che stava migliorando, ma il Papa fece solo uno scherzo e accettò il suo destino. Ricevette gli ultimi riti della Chiesa cattolica il 29 maggio 1744 e morì nella sua villa, circondato dai suoi amici, il giorno seguente. Fu sepolto nella chiesa di Santa Maria a Twickenham.

Nei decenni successivi alla sua morte, la poesia di Papa è passata di moda per un po '. Mentre Lord Byron ha citato la poesia del Papa come fonte d'ispirazione, altri, come William Wordsworth, l'hanno criticato per essere troppo elegante o decadente. Tuttavia, nel 20 ° secolo, l'interesse per la poesia del Papa ebbe una rinascita e la sua reputazione fu elevata insieme a questa nuova ondata di interesse. In questi ultimi decenni, la sua reputazione è rimbalzata al punto da essere considerata uno dei più grandi poeti inglesi di tutti i tempi, grazie alla sua scrittura ponderata e sempre citabile.

Fonti

  • Butt, John Everett. "Alexander Pope". Encyclopaedia Britannica, //www.britannica.com/biography/Alexander-Pope-English-author.
  • Mack, Maynard. Alexander Pope: una vita. New Haven: Yale University Press, 1985.
  • Rogers, Pat. Il compagno di Cambridge ad Alexander Pope. Cambridge, Massachusetts: Cambridge University Press, 2007.