Interessante

Mary Surratt

Mary Surratt

Mary Surratt, un operatore della pensione e custode della taverna, è stata la prima donna ad essere giustiziata dal governo federale degli Stati Uniti, condannato come co-cospiratore con l'assassino di Lincoln John Wilkes Booth, sebbene affermasse la sua innocenza.

Biografia

L'inizio della vita di Mary Surratt era appena notevole. Surratt nacque nella fattoria di tabacco della sua famiglia vicino a Waterloo, nel Maryland, nel 1820 o nel 1823 (le fonti differiscono). Cresciuta come episcopale, è stata educata per quattro anni in un collegio cattolico romano in Virginia. Mary Surratt si convertì al cattolicesimo romano mentre era a scuola.

Matrimonio con John Surratt

Nel 1840 sposò John Surratt. Costruì un mulino vicino a Oxon Hill nel Maryland, quindi acquistò terreni dal padre adottivo. La famiglia visse per un po 'con la suocera di Mary nel Distretto di Columbia.

Nel 1852 John costruì una casa e una taverna su un grande appezzamento di terreno che aveva acquistato nel Maryland. La taverna fu infine utilizzata anche come seggio elettorale e ufficio postale.

Mary prima rifiutò di vivere lì, rimanendo nella vecchia fattoria dei suoceri, ma John lo vendette e la terra che aveva comprato da suo padre, e Mary e i bambini furono costretti a vivere nella taverna.

Nel 1853, John acquistò una casa nel Distretto di Columbia, affittandola. L'anno successivo, ha aggiunto un hotel alla taverna, e l'area intorno alla taverna è stata chiamata Surrattsville.

John acquistò altre nuove attività e più terra e mandò i loro tre figli ai collegi cattolici. La famiglia possedeva un certo numero di schiavi, sebbene alcuni fossero venduti per saldare i debiti. Il bere di John peggiorò e accumulò debito.

Guerra civile

Quando iniziò la guerra civile nel 1861, il Maryland rimase nell'Unione, ma i Surratts divennero noti come simpatizzanti con la Confederazione. La loro taverna era una delle preferite dalle spie confederate. Mary Surratt lo sapeva? La risposta non è nota per certo. Entrambi i figli di Surratt entrarono a far parte della Confederazione, Isacco si arruolò nella cavalleria dell'Esercito degli Stati Confederati e John Jr. lavorò come corriere.

Nel 1862, John Surratt morì improvvisamente di colpo. John Jr. divenne postmaster e cercò di trovare un lavoro nel Dipartimento della Guerra. Nel 1863 fu licenziato come postmaster per slealtà. Recentemente vedova e sellata dai debiti lasciati dal marito, Mary Surratt e suo figlio John hanno faticato a gestire la fattoria e la taverna, affrontando anche le indagini da parte di agenti federali per le loro possibili attività confederate.

Mary Surratt affittò la taverna a John M. Lloyd e si trasferì nel 1864 nella casa di Washington, DC, dove gestiva una pensione. Alcuni autori hanno suggerito che la mossa avrebbe dovuto far progredire le attività confederate della famiglia.

Nel gennaio del 1865, John Jr. trasferì la proprietà delle proprietà della famiglia a sua madre; alcuni l'hanno letto come prova che sapeva di essere impegnato in una scrupolosa attività, poiché la legge avrebbe permesso di sequestrare la proprietà di un traditore.

Cospirazione

Alla fine del 1864, John Surratt, Jr. e John Wilkes Booth furono introdotti dal Dr. Samuel Mudd. Booth è stato visto alla pensione frequentemente da quel momento. John Jr. fu quasi certamente reclutato nel complotto per rapire il presidente Lincoln. I cospiratori nascondevano munizioni e armi alla Taverna Surratt nel marzo 1865, e Mary Surratt si recò alla taverna l'11 aprile in carrozza e ancora il 14 aprile.

Aprile 1865

John Wilkes Booth, fuggito dopo aver sparato al presidente al Ford's Theater il 14 aprile, si fermò alla taverna di Surratt, gestita da John Lloyd. Tre giorni dopo, la polizia del distretto di Columbia ha perquisito la casa di Surratt e ha trovato una fotografia di Booth, probabilmente su un suggerimento che associa Booth a John Jr.

Con le prove e le testimonianze di un servitore che sentiva parlare di Booth e di un teatro, Mary Surratt fu arrestata insieme a tutti gli altri nella casa. Mentre veniva arrestata, Lewis Powell venne a casa. Successivamente è stato collegato al tentativo di assassinare William Seward, Segretario di Stato.

John Jr. era a New York e lavorava come corriere confederato quando venne a sapere dell'assassinio. È fuggito in Canada per evitare l'arresto.

Prova e condanna

Mary Surratt fu detenuta nell'annesso della prigione del Vecchio Campidoglio e poi presso l'Arsenale di Washington. Fu portata davanti a una commissione militare il 9 maggio 1865, accusata di cospirazione per assassinare il presidente. Il suo avvocato era il senatore degli Stati Uniti Reverdy Johnson.

John Lloyd era anche tra quelli accusati di cospirazione. Lloyd ha testimoniato del precedente coinvolgimento di Mary Surratt, dicendo che gli aveva detto di avere "ferri da tiro pronti quella notte" durante il suo viaggio alla taverna del 14 aprile.

Lloyd e Louis Weichmann furono i principali testimoni contro Surratt e la difesa sfidò la loro testimonianza poiché furono anche accusati di cospirazione. Altre testimonianze dimostrarono che Mary Surratt era fedele all'Unione e la difesa sfidò l'autorità di un tribunale militare a condannare Surratt.

Mary Surratt era piuttosto malata durante la sua detenzione e processo e perse gli ultimi quattro giorni del processo per malattia. A quel tempo, il governo federale e la maggior parte degli stati impedirono agli imputati criminali di testimoniare nei propri processi, quindi Mary Surratt non ebbe l'opportunità di prendere posizione e difendersi.

Convinzione ed esecuzione

Mary Surratt è stata giudicata colpevole il 29 e 30 giugno dal tribunale militare della maggior parte dei conti per i quali era stata incriminata, condannata a morte, la prima volta che il governo federale degli Stati Uniti aveva sottoposto una donna alla pena capitale.

Furono fatte molte richieste di clemenza, tra cui la figlia di Mary Surratt, Anna, e cinque dei nove giudici del tribunale militare. Il presidente Andrew Johnson in seguito affermò di non aver mai visto la richiesta di clemenza.

Mary Surratt fu giustiziata per impiccagione, con altri tre condannati per aver fatto parte della cospirazione per assassinare il presidente Abraham Lincoln, a Washington, DC, il 7 luglio 1865, meno di tre mesi dopo l'assassinio.

Quella notte, la pensione di Surratt fu attaccata da una folla in cerca di souvenir; finalmente fermato dalla polizia. (La pensione e la taverna sono oggi gestite come siti storici dalla Surratt Society.)

Mary Surratt non fu ceduta alla famiglia Surratt fino al febbraio del 1869, quando Mary Surratt fu risuscitata nel cimitero di Mount Olivet a Washington, DC.

Il figlio di Mary Surratt, John H. Surratt, Jr., fu successivamente processato come cospiratore nell'assassinio quando tornò negli Stati Uniti. Il primo processo si è concluso con una giuria sospesa e poi le accuse sono state respinte a causa dello statuto delle limitazioni. John Jr. ammise pubblicamente nel 1870 di far parte del piano di rapimento che portò all'assassinio da parte di Booth.

Maggiori informazioni su Mary Surratt

  • Conosciuto anche come: Mary Elizabeth Jenkins Surratt
  • Religione: cresciuto episcopale, convertito al cattolicesimo romano a scuola

Contesto familiare:

  • Madre: Elizabeth Anne Webster Jenkins
  • Padre: Archibald Jenkins, coltivatore di tabacco, Maryland

Matrimonio, Bambini:

  • marito: John Harrison Surratt (sposato nel 1840, deceduto nel 1862; tavernkeeper)
  • bambini: tre, inclusi due figli coinvolti nella Confederazione
    • Isacco (n. 1841)
    • Elizabeth Susanna conosciuta come "Anna" (1843)
    • John Jr. (1844)