Nuovo

Biografia di Robert Kennedy, procuratore generale degli Stati Uniti, candidato alla presidenza

Biografia di Robert Kennedy, procuratore generale degli Stati Uniti, candidato alla presidenza


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Robert Kennedy era il procuratore generale degli Stati Uniti nell'amministrazione di suo fratello maggiore, il presidente John F. Kennedy, e in seguito prestò servizio come senatore degli Stati Uniti da New York. È diventato un candidato per la presidenza nel 1968, con l'opposizione alla guerra in Vietnam come la sua questione centrale.

La vibrante campagna di Kennedy ha stimolato i giovani elettori, ma il grande senso di ottimismo che rappresentava è finito in tragedia quando è stato ferito a morte immediatamente dopo aver dichiarato la vittoria nelle primarie della California. La morte di Kennedy non solo ha segnato il 1968 come un anno scioccante e violento, ma ha cambiato il corso della politica americana per gli anni a seguire.

Fatti veloci: Robert F. Kennedy

  • Conosciuto per: Procuratore generale degli Stati Uniti durante l'amministrazione di suo fratello, John F. Kennedy; Senatore di New York; candidato alla presidenza nel 1968
  • Nato: 20 novembre 1925 a Brookline, Massachusetts
  • Morto: 6 giugno 1968 a Los Angeles, California, vittima dell'assassinio
  • Sposa: Ethel Skakel Kennedy (1928), sposata il 17 giugno 1950
  • Bambini: Kathleen, Joseph, Robert Jr., David, Courtney, Michael, Kerry, Christopher, Max, Douglas, Rory

Primi anni di vita

Robert Francis Kennedy è nato il 20 novembre 1925 a Brookline, nel Massachusetts. Suo padre, Joseph Kennedy, era un banchiere e sua madre, Rose Fitzgerald Kennedy, era la figlia dell'ex sindaco di Boston, John F. "Honey Fitz" Fitzgerald. Robert era il settimo figlio della famiglia e il terzo figlio.

Cresciuto nella sempre più ricca famiglia Kennedy, Robert ha vissuto una vita molto privilegiata da bambino. Quando suo padre fu nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Gran Bretagna dal presidente Franklin D. Roosevelt nel 1938, i bambini Kennedy furono protagonisti di notizie e persino di cinegiornali di film che descrivevano i loro viaggi a Londra.

Da adolescente, Robert Kennedy ha frequentato la Milton Academy, una prestigiosa scuola di preparazione in un sobborgo di Boston, e l'Harvard College. La sua istruzione fu interrotta quando si arruolò nella Marina degli Stati Uniti poco dopo che suo fratello maggiore, Joseph P. Kennedy, Jr., fu ucciso in azione durante la Seconda Guerra Mondiale. Fu incaricato un tenente della Marina, ma non vide alcuna azione. Ritornò al college dopo la fine della guerra, diplomandosi ad Harvard nel 1948.

Kennedy entrò alla facoltà di giurisprudenza all'Università della Virginia, dalla quale si laureò nella classe del 1951.

Mentre frequentava la facoltà di giurisprudenza, uscì con Ethel Skakel, che aveva incontrato aiutando a gestire la campagna congressuale di suo fratello. Si sposarono il 17 giugno 1950. Alla fine avrebbero avuto 11 figli. La loro vita familiare, in una tenuta della Virginia conosciuta come Hickory Hill, sarebbe diventata un punto d'attrazione per il pubblico, mentre le celebrità del mondo dello spettacolo e dello sport visitavano le feste che spesso coinvolgevano giochi di calcio touch.

Robert Kennedy (a sinistra) e John Kennedy in un'audizione del Senato. Bettmann / Getty Images

Carriera a Washington

Kennedy si unì alla divisione criminale del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nel 1951. Nel 1952, suo fratello maggiore, il deputato John F. Kennedy, corse con successo per il Senato degli Stati Uniti. Robert Kennedy si è quindi dimesso dal dipartimento di giustizia. Fu assunto come avvocato dello staff del comitato del Senato degli Stati Uniti gestito dal senatore Joseph McCarthy. Kennedy ha lavorato per il comitato di McCarthy per cinque mesi. Si dimise nell'estate del 1953, dopo essere stato disgustato dalle tattiche di McCarthy.

In seguito al suo interludio con McCarthy, Kennedy si è trasferito in uno staff come avvocato che lavora per la minoranza democratica al Senato degli Stati Uniti. Dopo che i democratici ottennero la maggioranza al Senato alle elezioni del 1954, divenne il principale consigliere della sottocommissione permanente per le indagini del Senato degli Stati Uniti.

Kennedy convinse il senatore John McClellan, che presiedette la sottocommissione per le indagini, a formare un comitato selezionato per il racket del lavoro. Il nuovo comitato divenne noto sulla stampa come il Comitato delle racchette, in quanto specializzato nelle indagini sull'infiltrazione della criminalità organizzata nei sindacati. Il senatore John F. Kennedy fece parte del comitato. Con Robert come consigliere capo che spesso poneva le domande dei testimoni in vivaci udienze, i fratelli Kennedy divennero personaggi familiari nelle notizie.

Jimmy Hoffa che indica a Robert Kennedy un'audizione al Senato. Bettmann / Getty Images

Kennedy contro Jimmy Hoffa

Al Comitato delle racchette, Robert Kennedy si è concentrato sulle indagini dell'Unione dei Teamsters, che rappresentavano i camionisti della nazione. Il presidente del sindacato, Dave Beck, era ampiamente ritenuto corrotto. Quando Beck fu sostituito da Jimmy Hoffa, che si diceva fosse profondamente associato al crimine organizzato, Robert Kennedy iniziò a prendere di mira Hoffa.

Hoffa era cresciuto povero e aveva una meritata reputazione di duro nell'Unione dei Teamsters. Lui e Robert Kennedy non avrebbero potuto essere più diversi, e quando si radunarono in un'audizione televisiva nell'estate del 1957, diventarono stelle in un dramma della vita reale. Hoffa, facendo crepapelle con voce gelida, fu provocatorio di fronte all'interrogativo puntato di Kennedy. A chiunque guardasse sembrava ovvio che i due uomini si disprezzassero a vicenda. Per Kennedy, Hoffa era un delinquente. Per Hoffa, Kennedy era un "marmocchio viziato".

Robert Kennedy presso il Dipartimento di Giustizia, 1964. Bettmann / Getty Images

Procuratore generale

Quando John F. Kennedy è candidato alla presidenza nel 1960, suo fratello Robert è stato il responsabile della sua campagna. Dopo che Kennedy sconfisse Richard M. Nixon, iniziò a selezionare il suo gabinetto e si parlò di scegliere Robert Kennedy come procuratore generale della nazione.

La decisione fu naturalmente controversa, poiché scatenò accuse di nepotismo. Ma il nuovo presidente sentiva fortemente che aveva bisogno di suo fratello, che era diventato il suo consigliere più fidato, nel governo.

In qualità di procuratore generale degli Stati Uniti, Robert Kennedy continuò la sua faida con Jimmy Hoffa. Una squadra di pubblici ministeri federali è diventata ampiamente nota come "Get Hoffa Squad" e il boss del Teamster è stato indagato dalle giurie federali. Alla fine Hoffa fu condannato e scontò una pena detentiva federale.

Robert Kennedy era anche concentrato su figure di criminalità organizzata, e ad un certo punto consigliò al presidente Kennedy di non trattare Frank Sinatra a causa delle amicizie del cantante con i mafiosi. Tali eventi divennero foraggio per le successive teorie della cospirazione secondo cui gli omicidi dei fratelli Kennedy erano collegati al crimine organizzato.

Quando il movimento per i diritti civili prese piede nei primi anni '60, Kennedy, come procuratore generale, monitorava spesso gli sviluppi e talvolta inviava agenti federali per mantenere l'ordine o far rispettare le leggi. Una seria complicazione sviluppata dal direttore dell'FBI J. Edgar Hoover, che odiava Martin Luther King, voleva toccare i telefoni di King e piantare dispositivi di ascolto nelle sue stanze d'albergo. Hoover era convinto che King fosse un comunista e un nemico degli Stati Uniti. Kennedy alla fine acconsentì e diede l'approvazione alle intercettazioni telefoniche.

Senatore di New York

Dopo la morte violenta di suo fratello nel novembre 1963, Robert Kennedy entrò in un periodo di lutto e tristezza. Era ancora il procuratore generale della nazione, ma il suo cuore non era al lavoro e non era contento di lavorare con il nuovo presidente, Lyndon B. Johnson.

Nell'estate del 1964, Kennedy iniziò a pensare seriamente di candidarsi per un seggio al Senato degli Stati Uniti a New York. La famiglia Kennedy aveva vissuto a New York per un po 'durante la sua infanzia, quindi Kennedy aveva qualche legame con lo stato. Eppure è stato interpretato dal suo avversario, l'incumbent repubblicano Kenneth Keating, come un "tappeto da baseball", nel senso che qualcuno è entrato in uno stato solo per vincere un'elezione.

Kennedy vinse le elezioni nel novembre del 1964 e assunse l'incarico di senatore all'inizio del 1965. Come fratello del presidente recentemente assassinato e qualcuno che era stato nelle notizie nazionali un decennio, ebbe immediatamente un alto profilo a Capitol Hill.

Kennedy prese sul serio il suo nuovo lavoro, trascorrendo del tempo studiando questioni locali, visitando le zone rurali dello Stato di New York e sostenendo i quartieri poveri di New York City. Ha anche viaggiato all'estero e si è concentrato sulle questioni della povertà in tutto il mondo.

Una questione inizierebbe a dominare il tempo di Kennedy al Senato: la crescente e sempre più costosa guerra in Vietnam. Sebbene il coinvolgimento americano in Vietnam fosse stato una caratteristica della presidenza di suo fratello, Kennedy arrivò a credere che la guerra fosse impossibile e la perdita di vite americane doveva finire.

Robert Kennedy fa una campagna a Detroit nel 1968. Andrew Sacks / Getty Images

Il candidato anti-guerra

Un altro senatore democratico, Eugene McCarthy, era entrato nella corsa contro il presidente Johnson e lo aveva quasi battuto nelle primarie del New Hampshire. Kennedy intuì che sfidare Johnson non era una ricerca impossibile, e nel giro di una settimana entrò in gara.

La campagna di Kennedy decollò immediatamente. Ha iniziato ad attirare grandi folle alle soste della campagna negli stati in possesso di primarie. Il suo stile elettorale era energico, in quanto si tuffava tra la folla, stringendosi la mano.

Due settimane dopo l'entrata di Kennedy nella gara del 1968, il presidente Johnson scioccò la nazione annunciando che non avrebbe corso di nuovo. Kennedy iniziò a sembrare il favorito per vincere la nomination democratica, soprattutto dopo forti spettacoli nelle primarie in Indiana e Nebraska. Dopo aver perso le primarie in Oregon, tornò forte e vinse le primarie californiane il 4 giugno 1968.

Morte

Dopo aver celebrato la sua vittoria in una sala da ballo di un hotel di Los Angeles, Kennedy fu fucilato a distanza ravvicinata nella cucina dell'hotel nelle prime ore del 5 giugno 1968. Fu portato in ospedale, dove morì per una ferita alla testa il 6 giugno 1968 .

Le folle fiancheggiavano i binari della ferrovia quando il corpo di Robert Kennedy tornò a Washington. Bettmann / Getty Images

Dopo una messa funebre nella Cattedrale di San Patrizio a New York City, il corpo di Kennedy è stato portato a Washington, DC, in treno sabato 8 giugno 1968. In una scena che ricorda il treno funebre di Abraham Lincoln, i partecipanti al funerale fiancheggiavano i binari della ferrovia tra New York e Washington. Fu sepolto quella sera nel cimitero nazionale di Arlington, a breve distanza dalla tomba del presidente Kennedy.

La sua uccisione, avvenuta due mesi dopo l'assassinio di Martin Luther King, e meno di cinque anni dopo l'assassinio del presidente Kennedy, divenne uno degli eventi più memorabili degli anni '60. L'assassinio di Robert Kennedy ha gettato un pallino sulla campagna elettorale. Tra i molti c'era la sensazione che avrebbe vinto la presidenza nel 1968, e la storia moderna degli Stati Uniti sarebbe stata alquanto diversa.

Il fratello minore di Kennedy, Edward "Ted" Kennedy ha continuato la tradizione politica della famiglia, prestando servizio al Senato degli Stati Uniti fino alla sua morte nel 2009. Anche figli e nipoti di Robert Kennedy hanno prestato servizio in carica politica, tra cui Joe Kennedy III, che rappresenta un distretto del Massachusetts nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Fonti:

  • Edelman, Peter. "Kennedy, Robert Francis." The Scribner Encyclopedia of American Lives, Thematic Series: The 1960s, a cura di William L. O'Neill e Kenneth T. Jackson, vol. 1, Charles Scribner's Sons, 2003, pagg. 532-537.
  • "Robert Francis Kennedy." Encyclopedia of World Biography, 2nd ed., Vol. 8, Gale, 2004, pagg. 508-509.
  • Tye, Larry.Bobby Kennedy: la creazione di un'icona liberale. Random House, 2016.


Guarda il video: LaRouche CaseRobert Mueller's First Hit Job (Novembre 2022).

Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos