Nuovo

Cultura materiale: artefatti e significato (i) che trasportano

Cultura materiale: artefatti e significato (i) che trasportano


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Cultura materiale è un termine usato in archeologia e in altri campi relativi all'antropologia per riferirsi a tutti gli oggetti materiali e tangibili che vengono creati, usati, mantenuti e lasciati indietro dalle culture passate e presenti. La cultura materiale si riferisce agli oggetti che vengono utilizzati, vissuti, esposti e vissuti; e i termini includono tutto ciò che le persone fanno, compresi strumenti, ceramiche, case, mobili, bottoni, strade, persino le città stesse. Un archeologo può quindi essere definito come una persona che studia la cultura materiale di una società passata: ma non sono i soli a farlo.

Cultura materiale: takeaway chiave

  • La cultura materiale si riferisce agli oggetti materiali e tangibili creati, usati, conservati e lasciati alle spalle dalle persone.
  • Un termine usato da archeologi e altri antropologi.
  • Un focus è il significato degli oggetti: come li usiamo, come li trattiamo, cosa dicono di noi.
  • Alcuni oggetti riflettono la storia familiare, lo stato, il genere e / o l'identità etnica.
  • Le persone producono e salvano oggetti da 2,5 milioni di anni.
  • Vi sono prove che i nostri cugini, gli oranghi, fanno lo stesso.

Studi sulla cultura materiale

Gli studi sulla cultura materiale, tuttavia, si concentrano non solo sui manufatti stessi, ma piuttosto sul significato di tali oggetti per le persone. Una delle caratteristiche che caratterizzano gli esseri umani a parte le altre specie è la misura in cui interagiamo con gli oggetti, sia che vengano usati o scambiati, sia che vengano curati o scartati.

Gli oggetti nella vita umana possono integrarsi nelle relazioni sociali: ad esempio, si trovano forti attaccamenti emotivi tra le persone e la cultura materiale collegata agli antenati. La credenza della nonna, una teiera tramandata da un membro della famiglia a un membro della famiglia, un anello di classe degli anni '20, queste sono le cose che si presentano nel programma televisivo di lunga data "Antiques Roadshow", spesso accompagnato da una storia familiare e un voto di mai lasciali essere venduti.

Richiamo del passato, costruzione di un'identità

Tali oggetti trasmettono cultura con loro, creando e rafforzando le norme culturali: questo tipo di oggetto ha bisogno di essere curato, questo no. Distintivi Girl Scout, spille da fraternità, persino orologi Fitbit sono "dispositivi di archiviazione simbolici", simboli di identità sociale che possono persistere per più generazioni. In questo modo, possono anche essere strumenti di insegnamento: ecco come eravamo in passato, ecco come dobbiamo comportarci nel presente.

Gli oggetti possono anche ricordare eventi passati: corna raccolte durante una battuta di caccia, una collana di perle ottenute in vacanza o in fiera, un libro illustrato che ricorda al proprietario di una gita, tutti questi oggetti contengono un significato per i loro proprietari, a parte e forse al di sopra della loro materialità. I regali sono disposti in display a motivi (paragonabili per certi aspetti ai santuari) nelle case come indicatori di memoria. Anche se gli oggetti stessi sono considerati brutti dai loro proprietari, vengono conservati perché mantengono vivo il ricordo di famiglie e individui che altrimenti potrebbero essere dimenticati. Quegli oggetti lasciano "tracce" che hanno stabilito narrazioni ad essi associate.

Simbolismo antico

Tutte queste idee, tutti questi modi in cui gli umani interagiscono oggi con gli oggetti hanno radici antiche. Collezioniamo e veneriamo oggetti da quando abbiamo iniziato a produrre strumenti 2,5 milioni di anni fa, e oggi archeologi e paleontologi concordano sul fatto che gli oggetti raccolti in passato contengano informazioni intime sulle culture che li hanno raccolti. Oggi, i dibattiti si concentrano su come accedere a tali informazioni e in che misura è persino possibile.

È interessante notare che vi sono prove crescenti che la cultura materiale è una cosa fondamentale: l'uso degli strumenti e il comportamento di raccolta sono stati identificati in gruppi di scimpanzé e oranghi.

Cambiamenti nello studio della cultura materiale

Gli aspetti simbolici della cultura materiale sono stati studiati dagli archeologi dalla fine degli anni '70. Gli archeologi hanno sempre identificato i gruppi culturali in base ai materiali raccolti e usati, come i metodi di costruzione delle case; stili di ceramica; strumenti in osso, pietra e metallo; e simboli ricorrenti dipinti su oggetti e cuciti in tessuti. Ma fu solo alla fine degli anni '70 che gli archeologi iniziarono a pensare attivamente al rapporto materiale umano-culturale.

Cominciarono a chiedersi: la semplice descrizione dei tratti della cultura materiale definisce sufficientemente i gruppi culturali o dovremmo sfruttare ciò che conosciamo e comprendiamo sulle relazioni sociali dei manufatti per comprendere meglio le culture antiche? Ciò che ha dato il via è stato il riconoscimento che gruppi di persone che condividono la cultura materiale potrebbero non aver mai parlato la stessa lingua, o condiviso le stesse usanze religiose o secolari, o interagito tra loro in altro modo se non per scambiare beni materiali. Le raccolte di tratti di manufatto sono solo un costrutto archeologico senza realtà?

Ma i manufatti che compongono la cultura materiale sono stati significativamente costituiti e manipolati attivamente per raggiungere determinati fini, come stabilire lo status, contestare il potere, segnare un'identità etnica, definire il sé individuale o dimostrare il genere. La cultura materiale riflette la società ed è coinvolta nella sua costituzione e trasformazione. Creare, scambiare e consumare oggetti sono parti necessarie per mostrare, negoziare e migliorare un particolare io pubblico. Gli oggetti possono essere visti come le liste vuote su cui proiettiamo i nostri bisogni, desideri, idee e valori. Come tale, la cultura materiale contiene una grande quantità di informazioni su chi siamo, chi vogliamo essere.

Fonti

  • Berger, Arthur Asa. "Lettura della materia: prospettive multidisciplinari sulla cultura materiale". New York: Routledge, 2017.
  • Coward, Fiona e Clive Gamble. "Grandi cervelli, piccoli mondi: cultura materiale ed evoluzione della mente." Transazioni filosofiche della Royal Society of London B: Biological Sciences 363.1499 (2008): 1969-79. Stampare.
  • González-Ruibal, Alfredo, Almudena Hernando e Gustavo Politis. "Ontologia del sé e cultura materiale: creazione di frecce tra gli Awá Hunter-Gatherers (Brasile)." Journal of Anthropological Archaeology 30.1 (2011): 1-16. Stampare.
  • Hodder, Ian. Simboli in azione: studi etnoarcheologici della cultura materiale. Cambridge: Cambridge University Press, 1982. Stampa.
  • Denaro, Annemarie. "Cultura materiale e soggiorno: l'appropriazione e l'uso dei beni nella vita di tutti i giorni." Journal of Consumer Culture 7.3 (2007): 355-77. Stampare.
  • O'Toole, Paddy e Prisca Were. "Osservare i luoghi: usare lo spazio e la cultura materiale nella ricerca qualitativa." Qualitative Research 8.5 (2008): 616-34. Stampare.
  • Tehrani, Jamshid J. e Felix Riede. "Verso un'archeologia della pedagogia: apprendimento, insegnamento e generazione di tradizioni culturali materiali". World Archaeology 40.3 (2008): 316-31. Stampare.
  • van Schaik, Carel P., et al. "Culture dell'orangutan ed evoluzione della cultura materiale". Science 299.5603 (2003): 102-05. Stampare.


Guarda il video: LA IMPRESIONANTE HISTORIA DEL Che Guevara DOCUMENTALES,BIOGRAFIAS,DISCOVERY,DOCUMENTALES HISTORIA (Novembre 2022).

Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos