Nuovo

Sanscrito, lingua sacra dell'India

Sanscrito, lingua sacra dell'India


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il sanscrito è un'antica lingua indoeuropea, la radice di molte lingue indiane moderne, e rimane una delle 22 lingue ufficiali dell'India fino ad oggi. Il sanscrito funge anche da linguaggio liturgico primario dell'induismo e del giainismo e svolge un ruolo importante anche nelle scritture buddiste. Da dove viene il sanscrito? Perché è controverso in India?

La parola sanscrito significa "santificato" o "raffinato". Il primo lavoro conosciuto in sanscrito è il Rigveda, una raccolta di testi Brahmanici, che risale al c. Dal 1500 al 1200 a.C. (Il Brahmanismo fu il precursore precoce dell'induismo.) La lingua sanscrita si sviluppò dal proto-indo-europeo, che è la radice della maggior parte delle lingue in Europa, Persia (Iran) e India. I suoi cugini più vicini sono l'antico persiano e l'avestan, che è la lingua liturgica dello zoroastrismo.

Sanscrito preclassico, incluso il linguaggio del Rigveda, si chiama sanscrito vedico. Una forma successiva, chiamata sanscrito classico, si distingue per gli standard grammaticali stabiliti da uno studioso chiamato Panini, scrivendo nel IV secolo a.C. Panini ha definito sconcertanti 3.996 regole per sintassi, semantica e morfologia in sanscrito.

Il sanscrito classico ha generato oggi la maggior parte delle centinaia di lingue moderne parlate in India, Pakistan, Bangladesh, Nepal e Sri Lanka. Alcune delle sue lingue figlie includono hindi, marathi, urdu, nepalese, balochi, gujarati, singalese e bengalese.

L'array di lingue parlate che deriva dal sanscrito è accompagnato dal vasto numero di diversi script in cui il sanscrito può essere scritto. Più comunemente, le persone usano l'alfabeto Devanagari. Tuttavia, quasi ogni altro alfabeto Indico è stato usato per scrivere in sanscrito una volta o l'altra. Gli alfabeti Siddham, Sharda e Grantha sono usati esclusivamente per il sanscrito e la lingua è anche scritta in script di altri paesi, come tailandese, khmer e tibetano.

A partire dal censimento più recente, solo 14.000 persone su 1.252.000.000 in India parlano il sanscrito come lingua principale. È ampiamente usato nelle cerimonie religiose; migliaia di inni e mantra indù sono recitati in sanscrito. Inoltre, molte delle più antiche scritture buddiste sono scritte in sanscrito e i canti buddisti presentano comunemente anche il linguaggio liturgico che era familiare a Siddhartha Gautama, il prezzo indiano che divenne il Buddha. Tuttavia, molti dei brahmani e dei monaci buddisti che cantano in sanscrito oggi non comprendono il reale significato delle parole che pronunciano. La maggior parte dei linguisti considera quindi il sanscrito una "lingua morta".

Un movimento nell'India moderna sta cercando di far rivivere il sanscrito come lingua parlata per l'uso quotidiano. Questo movimento è legato al nazionalismo indiano, ma è contrastato da persone che parlano lingue non indoeuropee, inclusi quelli di lingua dravidica dell'India meridionale, come i tamil. Data l'antichità della lingua, la sua relativa rarità nell'uso quotidiano di oggi e la sua mancanza di universalità, il fatto che rimanga una delle lingue ufficiali dell'India è alquanto strano. È come se l'Unione Europea avesse reso il latino una lingua ufficiale di tutti i suoi stati membri.


Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos